17 June 2015

Occasioni




Ma voi lo sapevate che Jurassic Park è stato tratto da un libro? Io non ne avevo proprio idea finchè non sono stata attirata da quella meravigliosa copertina gettata a casaccio in una bancarella di uno di quei librai in via Po, a Torino. L'ho preso subito in mano, per me aveva un valore immenso...cioè, ma scherziamo? Il libro di Jurassic Park?! Edizione degli anni '90?! Grandioso.
Per il venditore invece...era carta straccia...già è tanto se non me l'ha regalato! ;)
Quando mi succedono queste cose le mie giornate prendono una nuova piega, e io non riesco proprio a togliermi il sorriso dalla faccia. Le vedo come occasioni che sono riuscita a capire e cogliere al volo... che magari oggettivamente non hanno alcun valore particolare, sono davvero piccolezze che tuttavia mi regalano una felicità immensa.
Lo stesso tipo di felicità di quando trovo una monetina per terra, che mi porterà fortuna per tutto il giorno (voi la conoscete questa credenza?), di quando sbirciando per sbaglio nello spiraglio lasciato da un portone socchiuso scopro delle bellissime corti, di quando andando a passeggio per i boschi valdostani mi imbatto in rifugi abbandonati o pezzetti di vita dimenticati...
Piccole cose che non ti aspetti, che ti si piombano addosso e di cui davvero non puoi non approfittare.


Do you know that the Jurassic Park film was based on a book? I did not have idea until I find the book on booksellers.. I fall in love with the cover, isn't it amazing?
For me this book has an immense value ...The book Jurassic Park ?! Edition of the 90?! Can't believe. For the bookseller, instead ... it was scrap paper ... so I paid very little! ;)When these things happen to me my days taking a new turn, and I can't stop smiling.
I think that these are a sort of opportunities that maybe objectively haven't a particular value. But they are little things that give me immense happiness.
The kind of happiness of finding a cheap lovely book is the same of when I find a penny on the ground, that bring you good luck all day (do you know this belief?). The same of when I discover beautiful hidden courtyards. Little things that you don't expect but that you will love.

Shorts Vintage
Shirts Zara
Boots Vintage
Bag Vintage


























08 June 2015

Le dormeur du val

C'est un trou de verdure où chante une rivière 
Accrochant follement aux herbes des haillons 
D'argent ; où le soleil, de la montagne fière, 
Luit : c'est un petit val qui mousse de rayons. 


È una gola di verzura dove il fiume canta
impigliando follemente alle erbe stracci
d'argento: dove il sole, dalla fiera montagna
risplende: è una piccola valle che spumeggia di raggi. [...]


Ok...il titolo di questo post è puramente rubato da una poesia di Rimbaud dal tema tutt'altro che felice. Lui in mezzo ad una valle scorge un corpo di un un uomo dormiente, che alla fine della poesia si rivela essere un soldato ucciso da due colpi di pistola. Questi campi dall'erba alta mi ricordano proprio lei, questa poesia, quelle parole, quella visione.
E in effetti il gioco e il divertimento che mi procurava il correre e gettarmi sull'erba altissima e soffice di questo posto è stato accompagnato da una specie di stato di ansia.. forse a causa del ricordo della poesia.
In fondo al campo c'era una costruzione di pietra non ancora del tutto crollata. Ancora non ho avuto il coraggio di partire all'esplorazione di questa, ma la prossima volta che passerò da qui sarà lei il mio obiettivo, e del Le Dormeur du Val cercherò di ricordarmi solo la prima strofa.

 -

It’s a green hollow, where a river is singing
Crazily hanging on the grasses rags
Of silver; where the sun, from the proud mountain,
Is shinning: it’s a little valley bubbling with sunlight. [...]

The title of this post is stolen from a sad Rimbaud poem in which the poet says that one day in the green hollow he saw a body of a sleeping man, who at the end of the poem turns out to be a soldier killed by two gunshots.
These fields from the high grass remind me this poem, these words, that vision. 
The fun and games that gave me running and throwing myself on the grass has been accompanied by a kind of anxiety.. maybe because of the memory of the poem. 
Down the field there was a old stone building. I have not had the courage to explore this, but next time it will be my goal, and I'll try to remember only the first verse of Le Dormeur du Val. ;)

Dungarees Asos
Headband Lazzari
Blouse Vintage
Shoes Topshop
Bag Handmade
























pics by Chaindeira

26 May 2015

Les sentiers sont apres. Les monticules se couvrent de genets. L'air est immobile.

Que les oiseaux et les sources sont loin ! Ce ne peut être que la fin du monde, en avançant. 
[Enfance IV - Rimbaud]




"I sentieri sono aspri. Le colline si ricoprono di ginestre. L'aria è immobile. Come sono lontani gli uccelli e le fonti! Non può esserci che la fine del mondo, più in là."


Non mi capita spesso di fare domande alle mie nonne, sono loro che di solito le fanno a me... 
- Come va la scuola, come la vita, cosa stai facendo, hai mangiato?!  -
Pochi giorni fa è accaduto il contrario, ho invaso di domande una delle mie due nonne, curiosa di saperne di più sulla sua infanzia..sulla sua giovinezza. Chi era lei a 15, 20,25 anni? 
Mi sono goduta ore di racconti sulla vita in campagna in un piccolo paese del sud Italia, dove tutto era arretrato e non al passo coi tempi delle città, dove negli anni '50 solo tre persone possedevano un mezzo pubblico, che era ancora una carrozza a cavalli, dove ancora le fogne non esistevano e tutto il paese andava a rifornirsi di acqua in un pittoresco pozzo in mezzo ai campi.
Mia nonna cuciva, sua madre e le sue sorelle lavoravano i campi, e lei a volte se la spassava, facendo dei lunghi giri in bicicletta in quelli che allora erano i terreni di famiglia, ma, siccome le era vietato andare in bici, subito dopo ripercorreva tutta la strada sterrata con la ginestra, cancellando le tracce lasciate dalle ruote. 
Vederla oggi usare il cellulare, sapere cos'è un computer, andare su youtube e mandarmi dei selfie su watsap mi fa davvero restare a bocca aperta, cioè lei alla mia età aveva da poco visto sostituire le carrozze con delle automobili! 

Mi piace pensare al mio amore per la natura e la campagna come ad un dono, un ricordo di famiglia. Adesso che il sole ha invaso le giornate di maggio i miei pomeriggi liberi li trascorro sdraiata sui prati in mezzo alla campagna. (Non che d'inverno sia diverso! In quel caso però sono sdraiata sulla neve!)
Queste foto sono state scattate in un terreno che un tempo era destinato alle esercitazioni militari, ecco il perchè del filo spinato e del cancello austero. Oggi c'è tanto prato, vigne e alberi da frutto, un luogo ideale per passeggiare sotto il sole del pomeriggio! Indossavo un abito Topshop, cappello Benetton, scarpette Lazzari e una borsa a secchiello acquistata su Spartoo.

-

"The paths are rough. The hillocks are covered with broom. The air is motionless. How far away are the birds and the springs! It can only be the end of the world ahead."

A few days ago I invaded of questions one of my two grandmothers, as I was curious to learn more about her childhood and youth. Who was she at 15, 20.25 years?I enjoyed hours of stories about her life in the countryside of a small town in southern Italy, where everything was backward. In her town in the 50s no one knew what was a car, and only three people owned a carriages. In her town even the sewers did not exist and the whole country took the water in a picturesque well in the middle of fields.
My grandmother sewed, but her mother and her sisters worked the fields. She loved going for long bike rides in her family land. But as she was not allowed to ride a bike, she had to retraced all the dirt road with the broom, erasing the traces left by the wheels. 

My grandmother today takes pictures with her phone, knows what a computer is, surfs to youtube and sends me a lot of selfies...that really makes me gape, because only when she was 25 years old she saw cars replacing the carriages!
I like thinking that my love for nature is a family memory. Now that the sun has invaded the days of May, I spend my free afternoons lying on the grass in the countryside. (Not that winter is different! In that case, however, I lie in the snow!)
These photos were taken in a land that once was used for military exercises, that's why the barbed wire and austere gate. Today in this land there is a lot of meadow, vineyards and fruit trees. It's a great place to walk in the sun in the afternoon! I wore a dress Topshop, Benetton hat, shoes Lazzari and a bag purchased on Spartoo


Dress Topshop
Shoes Lazzari
Hat Benetton
Bag  












23 May 2015