28 July 2015

Rien ne change de forme comme les nuages, si ce n'est les rochers

Victor Hugo 
 

Quello che più amo del sud Italia è la spensieratezza con cui chi è nato, cresciuto e ha vissuto lì affonta ogni ambito della vita. Amo la loro tranquillità, la loro diversa concezione del tempo. Per me, che sono cresciuta al nord, i minuti sono istanti, per chi è cresciuto al sud gli istanti sono minuti. E' per questo che ogni estate in cui vado a trovare i miei nonni, nella bella Tropea, in Calabria, non solo mi godo intere giornate in spiaggia e faccio il carico di salsedine e frutti di mare, ma affronto le mie giornate in modo diverso, cercando di vivere attraverso gli occhi della gente di quel paese dove sono nata, ma che non conosco affatto. "C'è tempo", "tranquilla", "non ti agitare", "adesso lo facciamo, ma prima beviamoci un caffé" sono delle frasi ritornello, ogni volta che torno in Calabria.
Tropea..Tropea è meravigliosa, non si puà dire altrimenti. Il suo mare, le sue scogliere, i suoi affacci, i suoi vicoli e i suoi portoni imperiosi. Ma li intorno ci sono tante altre meraviglie un po' nascoste che è il caso di scoprire. Le foto di questo post le ho scattate a Zungri, paesino circondato da campagna nel vibonese a solo mezz'ora da tropea. A Zungri ci sono queste meravigliose grotte....
che vale la pena visitare. Gli orari non sono fissi.. anzi credo non ci siano. Se arrivate e non c'è nessuno chiedete a chiunque in paese, troverà il modo di farvele visitare. Se arrivate tardi e stanno chiudendo "tranquilli, c'è tempo", ve le faranno visitare lo stesso.
Ma quanto è bella la mia Calabria?
Per visitare il posto vi consiglio scarpe chiuse, per evitare di farvi male, anche se io con le Birkenstock acquistate su Spartoo mi sono trovata benissimo! Indossate anche un cappello per proteggervi dal sole e ricordate di portare un costumecon voi, può essere che dopo la gita ci scappi anche un bagno al mare!

Romper Mango
Hat Vintage
Backpack present from Istanbul
Sandals Birkenstock


















10 July 2015

Dove inizia la fine del mare?

"O addirittura: cosa diciamo quando diciamo: mare? Diciamo l'immenso mostro capace di divorare qualsiasi cosa, o quell'onda che ci schiuma intorno ai piedi? L'acqua che puoi tenere nel cavo della mano o l'abisso che nessuno può vedere? Diciamo tutto in una sola parola o in una sola parola tutto nascondiamo? Sto qui, a una passo dal mare, e neanche riesco a capire, lui, dov'è. Il mare. Il mare."
Alessandro Baricco, Oceano Mare
 

Queste foto le abbiamo scattate un mese fa, ad inizio giugno, ma ho trovato solo adesso il tempo di mostrarvele. Era uno di quei giorni in cui ti svegli e hai voglia di novità, di respirare un aria diversa, di mangiare qualcosa che non hai mai mangiato o che non mangi da troppo. 
I primi caldi, il profumo dell'estate che si avvicinava ci hanno fatto correre in stazione e prendere il treno per una qualunque destinazione che fosse sul mare. Avevo bisogno di immergere i piedi nella sabbia, di farmi accarezzare dalle onde seduta sulla riva e di strafogarmi di spaghetti alle vongole.
Indossati i miei deliziosi Shorts Pepa Loves, costume e zaino in spalla via verso Finale Ligure. Posto meraviglioso non solo per la spiaggia e il suo lungo mare, ma anche per i suoi vicoli meravigliosi, per le viste spettacolari che offre e per il borgo medievale nell'entroterra, in cui si respira davvero un'aria di altri tempi.

I and my boyfriend took these photo a month ago, in early June. It was one of those days where you wake up and you need something new, to breath a different air, to eat something you never ate...
The first warm, the smell of summer...we run into the station and take the first train to any destination near the beach. I needed to soak the feet in the sand and eat some spaghetti with fish. I wore my delicious Shorts Pepa Loves, the swimsuit, backpack and we go to a wonderful place with great beach, boardwalk, beautiful alleys, and spectacular views. What a wonderful day!


Shorts Pepa Loves
Shoes Vagabond
Sunnies +  backpack Vintage 























17 June 2015

Occasioni




Ma voi lo sapevate che Jurassic Park è stato tratto da un libro? Io non ne avevo proprio idea finchè non sono stata attirata da quella meravigliosa copertina gettata a casaccio in una bancarella di uno di quei librai in via Po, a Torino. L'ho preso subito in mano, per me aveva un valore immenso...cioè, ma scherziamo? Il libro di Jurassic Park?! Edizione degli anni '90?! Grandioso.
Per il venditore invece...era carta straccia...già è tanto se non me l'ha regalato! ;)
Quando mi succedono queste cose le mie giornate prendono una nuova piega, e io non riesco proprio a togliermi il sorriso dalla faccia. Le vedo come occasioni che sono riuscita a capire e cogliere al volo... che magari oggettivamente non hanno alcun valore particolare, sono davvero piccolezze che tuttavia mi regalano una felicità immensa.
Lo stesso tipo di felicità di quando trovo una monetina per terra, che mi porterà fortuna per tutto il giorno (voi la conoscete questa credenza?), di quando sbirciando per sbaglio nello spiraglio lasciato da un portone socchiuso scopro delle bellissime corti, di quando andando a passeggio per i boschi valdostani mi imbatto in rifugi abbandonati o pezzetti di vita dimenticati...
Piccole cose che non ti aspetti, che ti si piombano addosso e di cui davvero non puoi non approfittare.


Do you know that the Jurassic Park film was based on a book? I did not have idea until I find the book on booksellers.. I fall in love with the cover, isn't it amazing?
For me this book has an immense value ...The book Jurassic Park ?! Edition of the 90?! Can't believe. For the bookseller, instead ... it was scrap paper ... so I paid very little! ;)When these things happen to me my days taking a new turn, and I can't stop smiling.
I think that these are a sort of opportunities that maybe objectively haven't a particular value. But they are little things that give me immense happiness.
The kind of happiness of finding a cheap lovely book is the same of when I find a penny on the ground, that bring you good luck all day (do you know this belief?). The same of when I discover beautiful hidden courtyards. Little things that you don't expect but that you will love.

Shorts Vintage
Shirts Zara
Boots Vintage
Bag Vintage


























08 June 2015

Le dormeur du val

C'est un trou de verdure où chante une rivière 
Accrochant follement aux herbes des haillons 
D'argent ; où le soleil, de la montagne fière, 
Luit : c'est un petit val qui mousse de rayons. 


È una gola di verzura dove il fiume canta
impigliando follemente alle erbe stracci
d'argento: dove il sole, dalla fiera montagna
risplende: è una piccola valle che spumeggia di raggi. [...]


Ok...il titolo di questo post è puramente rubato da una poesia di Rimbaud dal tema tutt'altro che felice. Lui in mezzo ad una valle scorge un corpo di un un uomo dormiente, che alla fine della poesia si rivela essere un soldato ucciso da due colpi di pistola. Questi campi dall'erba alta mi ricordano proprio lei, questa poesia, quelle parole, quella visione.
E in effetti il gioco e il divertimento che mi procurava il correre e gettarmi sull'erba altissima e soffice di questo posto è stato accompagnato da una specie di stato di ansia.. forse a causa del ricordo della poesia.
In fondo al campo c'era una costruzione di pietra non ancora del tutto crollata. Ancora non ho avuto il coraggio di partire all'esplorazione di questa, ma la prossima volta che passerò da qui sarà lei il mio obiettivo, e del Le Dormeur du Val cercherò di ricordarmi solo la prima strofa.

 -

It’s a green hollow, where a river is singing
Crazily hanging on the grasses rags
Of silver; where the sun, from the proud mountain,
Is shinning: it’s a little valley bubbling with sunlight. [...]

The title of this post is stolen from a sad Rimbaud poem in which the poet says that one day in the green hollow he saw a body of a sleeping man, who at the end of the poem turns out to be a soldier killed by two gunshots.
These fields from the high grass remind me this poem, these words, that vision. 
The fun and games that gave me running and throwing myself on the grass has been accompanied by a kind of anxiety.. maybe because of the memory of the poem. 
Down the field there was a old stone building. I have not had the courage to explore this, but next time it will be my goal, and I'll try to remember only the first verse of Le Dormeur du Val. ;)

Dungarees Asos
Headband Lazzari
Blouse Vintage
Shoes Topshop
Bag Handmade
























pics by Chaindeira